Coppa Italia Serie D - Ecco le probabili avversarie del Latina

 di Matteo Ferri  articolo letto 1568 volte
Coppa Italia Serie D - Ecco le probabili avversarie del Latina

Otto anni dopo l'ultima apparizione - era il 23 agosto del 2009 e i nerazzurri caddero ad Aprilia, contro le Rondinelle, sotto i colpi del velletrano Corsetti - il Latina torna a disputare la Coppa Italia di Serie D. Una competizione dal valore relativo in ottica promozione ma che, nelle ultime stagioni, sta riservando discrete soddisfazioni alle compagini laziali, dopo annate di vacche magre e un lunghissimo digiuno di vittorie. Istituita nel 1999, dopo la riforma della Coppa Italia Dilettanti, la prima edizione del torneo ha visto immediatamente trionfare la Viterbese, dominatrice nel doppio confronto col Montecchio ma, per vedere un'altra squadra della nostra regione alzare il trofeo bisognerà attendere il 2016, quando le parate di Calandra regalarono il successo ai rigori all'Unicusano Fondi contro l'Oltrepovoghera. Un anno fa un'altra laziale è approdata all'atto conclusivo di Firenze ma l'Albalonga di Chiappara, dopo aver travolto in semifinale il favorito Bisceglie, si è dovuto arrendere ai piemontesi del Chieri.

La formula del torneo è pressoché invariata dall'edizione del 2009 e prevede un turno preliminare, al quale partecipano le neopromosse, le retrocesse dalla Lega Pro, le eventuali ripescate e iscritte in sovrannumero e le squadre classificatesi nelle ultime posizioni valide per la salvezza nella stagione precedente. Chi si qualifica accede al primo turno e, ad eccezione di quarti e semifinali, tutti gli incontri sono di sola andata. La scelta del campo avviene per sorteggio nel turno preliminare, in quelli successivi gioca in casa chi ha disputato in trasferta quello precedente ed il sorteggio del campo avviene solo nel caso in cui le due squadre abbiano giocato entrambe in casa o fuori il turno prima. Per evitare lunghe trasferte fin dalle battute iniziali della competizione, le prime fasi della Coppa Italia vengono disputate abbinando le formazioni secondo criteri geografici, una scelta che riduce drasticamente le ipotesi sul primo avversario dei nerazzurri nel sorteggio di domani.

Delle altre undici società laziali ai nastri di partenza del campionato di Serie D, sono cinque quelle che dovrebbero partecipare al turno preliminare oltre al Latina: Anzio (13esimo nello scorso Girone H), Lupa Roma (retrocessa dalla Lega Pro), Aprilia, SFF Atletico e Cassino (neopromosse). L'incognita è rappresentata dai neroniani, perché il criterio del piazzamento nella passata stagione non è fisso e la squadra allenata da Rughetti potrebbe anche entrare in gioco dal turno successivo. In quel caso sono pressoché scontati gli abbinamenti tra Lupa Roma e SFF Atletico e il derby Latina-Aprilia, con il Cassino impegnato contro una formazione campana. Se invece, come appare probabile, anche l'Anzio sarà al via fin da subito, l'ipotesi più accreditata è quella che vedrà i biancoblu tirrenici opposti all'Aprilia, con i nerazzurri che incroceranno le lame con l'ambiziosa matricola ciociara: l'ultima volta, nella stagione 2001/02, fu la squadra allora allenata da Silvio Argenio ad imporsi in entrambi i confronti per poi chiudere al terzo posto e ottenere il ripescaggio in Serie C2.