Latina, occhio alla matricola: l'SFF Atletico dei record vuole emulare la Lupa Castelli Romani

27.10.2017 18:00 di Matteo Ferri  articolo letto 421 volte
Latina, occhio alla matricola: l'SFF Atletico dei record vuole emulare la Lupa Castelli Romani

Sette vittorie e un pareggio - in casa del favoritissimo Rieti e dopo essere stato avanti di due reti -, un cammino pressoché perfetto in campionato e una stagione, fin qui, solo parzialmente macchiata dalla prematura eliminazione in Coppa Italia per mano del San Teodoro. L'SFF Atletico va a caccia di record e di una storica promozione tra i professionisti, per il Comune di Fiumicino istituito soltanto nel 1992. Con i suoi 22 punti all'attivo, la formazione di Scudieri non ha eguali nella storia recente del Girone G di Serie D. Solo l'Olbia, nella stagione 2013/14, avvicinò il cammino degli aeroportuali e, nelle prime otto giornate, totalizzò 21 punti, sporcando il suo score perfetto nella trasferta di Roma contro l'Astrea, persa per 3-1 con il fardello di due espulsioni, a Peana e Di Gennaro. Proprio alla nona giornata, il secondo cedimento della squadra di Giorico, fermata sul pari dal Budoni, poi travolta in casa e superata in classifica dalla Lupa Roma sette giorni più tardi. A fine stagione furono proprio i capitolini a centrare la promozione, staccando di tre lunghezze un'altra matricola, il Terracina. Miglior sorte toccò, un anno più tardi, alla Lupa Castelli Romani, seconda a quota 20 dopo otto turni di campionato dietro l'Ostiamare ma prima a fine stagione, davanti alla corazzata Viterbese. Nelle ultime due annate del Girone G, poca fortuna per le matricole: nel 2015/16, l'Albalonga di Gagliarducci insidiava, ad una lunghezza di ritardo, il primato dell'Ostiamare dopo otto giornate, salvo poi chiudere settima a 19 punti dalla vetta. Un anno fa, di questi tempi, il sorprendente Monterosi di punti ne aveva raccolti 14 e viaggiava al quarto posto, tre punti più indietro rispetto al terzetto composto da Rieti, Albalonga e dal solito Ostiamare. Curiosamente, una delle migliori stagioni dell'ultimo ventennio dei lidensi ha coinciso proprio con quella del ritorno in Serie D, nel 2012. Allora, però, i biancoviola iniziarono malissimo e, dopo otto giornate, annaspavano all'ultimo posto con 4 punti, ben 16 in meno della capolista Neapolis. E il Latina? Nel 2009 i nerazzurri partirono a rilento, raccogliendo 12 punti nelle prime 8 giornate. Anche allora le sconfitte furono due - a Roma contro l'Astrea e in casa del Selargius - ma le vittorie soltanto tre e tutte in casa, contro Gaeta, Tavolara e Rieti.