L'Epifania anche il Latina s'è portata via

Dal 1992 è collaboratore de “Il Messaggero”, dal 2009 collabora con la “Gazzetta dello Sport”. Inizia scrivendo di baseball, poi cede al calcio
09.01.2020 15:43 di Vincenzo Abbruzzino   Vedi letture
L'Epifania anche il Latina s'è portata via

L’Epifania insieme alle feste, s’è portata via pure il Latina. Se il 2019 si era chiuso con le speranze in una squadra finalmente protagonista, il 2020 si è presentato facendo a pezzi quelle speranze. Il trittico di partite (Aprilia, Ostiamare e Latte Dolce) che avrebbe potuto rilanciare i nerazzurri, dopo due partite ha portato in cassa un solo punto, rischiando di trasformarsi da opportunità a devastante (per la classifica) flop.  

Fossi stato in Greco e in Maurizi, durante il secondo tempo del derby di mercoledì, mi sarei trovato in grande imbarazzo ad essere l’allenatore di due squadre che hanno dato l’impressione di badare a colpire il pallone, senza però avere la minima idea di come giocarlo.  Un derby che, nella ripresa, si è svilito in una manovra buona per il calcio amatoriale, non per il massimo campionato dilettantistico. E nel primo tempo il Latina ha perfino fatto peggio. Ho sempre apprezzato le analisi di Maurizi nel post gara, ma questa volta mi resta difficile comprendere l’affermazione secondo la quale la ripresa del derby sarebbe da considerare un ottimo punto di ripartenza per il Latina.

Non so che tipo di prestazione possa avere convinto il tecnico dei nerazzurri e nemmeno riesco a capire cosa abbia visto dalla panchina. Certo, l’Aprilia non s’è più avvicinata all’area nerazzurra, le sue chance sono state azzerate ma è pur vero che il Latina ha continuato a non concludere verso la porta e l’estremo difensore ospite ha beatamente vissuto un pomeriggio di sereno riposo. Un derby impostato male, con un undici iniziale destinato al fallimento, che neanche le contromosse messe in atto nella seconda parte è riuscito a riabilitare, ormai la testa dei giocatori era andata e con essa le motivazioni, la lucidità, la consapevolezza di ciò che si stava facendo.  

Una brutta prestazione, un bruttissimo derby, da cancellare subito dai ricordi dei tifosi.