Archidiacono illustra i prossimi step del Latina: "Entro 15 giorni il pagamento dei 720.000 euro dell'asta, entro il 30 giugno i debiti sportivi"

 di Marco Ferri  articolo letto 1250 volte
Archidiacono illustra i prossimi step del Latina: "Entro 15 giorni il pagamento dei 720.000 euro dell'asta, entro il 30 giugno i debiti sportivi"

L'intervento dell'avvocato Renato Archidiacono, legale consulente di Benedetto Mancini, durante la conferenza stampa tenuta questo pomeriggio al Park Hotel: "Oggi era fissata la gara per il terzo esperimento. C'era una sola offerta, quella della Mens Sana Latina, di 720.000 euro. Il giudice e i curatori, dopo aver esaminato la documentazione allegata alla domanda, l'hanno ritenuta del tutto regolare e il giudice delegato ha assegnato l'azienda sportiva Calcio Latina alla Mens Sana Latina, di cui Benedetto Mancini è il rappresentante legale. Il pagamento del prezzo andrà effettuato entro i prossimi 15 giorni, quindi ci sarà il decreto di trasferimento da parte del Tribunale nei confronti della Mens Sana Latina. Successivamente, entro la data del 30 giugno, la Mens Sana Latina dovrà saldare, o comunque prestare una fideiussione, in favore della Lega Calcio per il pagamento dei debiti sportivi. Questo è il percorso che consente all'azienda sportiva Latina di sopravvivere e di mantenere la categoria di merito dal punto di vista sportivo. Tutto è iniziato ai primi di febbraio, pochi giorni prima dell'udienza fallimentare, e si è seguito un percorso che ha permesso di salvare diverse società sportive. Nessuna società si è salvata ricorrendo alla procedura del concordato preventivo, perché è assai più farraginosa. L'istanza di fallimento della Procura è dell'11 gennaio del 2017 e non venne notificata alla nuova amministrazione, il 16 febbraio ha chiesto il fallimento perché non c'erano le condizioni per superare uno stato di insolvenza prospettato. Nella stessa adesione all'istanza di fallimento, subito Mancini chiese l'esercizio provvisorio. Il Tribunale poteva anche decidere d'ufficio, solo l'esercizio provvisorio ha permesso che il Latina non chiudesse i cancelli già dalla gara col Carpi. Molti dissero che era stato bocciato, e non era un piano suo ma che serviva al Tribunale. L'interesse principale del Tribunale è quello di tutelare i creditori, che incasseranno i soldi che proverranno dall'acquisizione dell'azienda sportiva. In caso di mancata continuazione del campionato, non sarebbe stato possibile. È stato un percorso saggio, poi i curatori fallimentari sono stati assolutamente capaci ed estremamente bravi, perché sono riusciti in un tempo molto rapido a completare un passaggio fondamentale, ovvero quello di far stimare il valore dell'azienda sportiva Latina Calcio. Il bando di partecipazione, pena l'inammissibilità, prevedeva che partecipasse una società e non un cittadino in proprio. La società è la Mens Sana Latina Srl, che ha regolarmente partecipato all'asta. Nessun cittadino in proprio poteva partecipare, ma solo una società che avesse sede a Latina e fosse regolarmente affiliata alla Figc. Adesso il percorso è quasi arrivato a compimento".