Gravina sui gironi di Serie C: "Confermato il criterio della territorialità". Oggi il ricorso dei bocciati, il 20 i ripescaggi

 di Marco Ferri  articolo letto 1425 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Gravina sui gironi di Serie C: "Confermato il criterio della territorialità". Oggi il ricorso dei bocciati, il 20 i ripescaggi

Giornata basilare per il prossimo campionato di Serie C. Scade infatti oggi il termine per i ricorsi delle 10 società la cui iscrizione è stata bocciata, in prima istanza, dalla Co.Vi.So.C. Oltre a Como e Latina (Unione Sportiva), la cui affiliazione è stata revocata da tempo, non hanno superato il primo step Maceratese, Mantova, Messina, Arezzo, Fidelis Andria, Juve Stabia, Modena e Akragas. Chi tra queste riuscirà a "salvarsi", subirà comunque una penalizzazione da scontare nel prossimo torneo. Giovedì prossimo sarà il Consiglio Federale a pronunciarsi in via definitiva, procedendo probabilmente anche ai ripescaggi. Tra le retrocesse è il Lumezzane a godere delle possibilità maggiori, mentre tra le 18 squadre di D la prima in graduatoria è il Rieti
In vista della compilazione dei calendari 2017/2018, intanto, si è espresso il presidente Gabriele Gravina: "Non abbiamo ancora deciso nulla perchè dobbiamo prima capire chi si iscriverà e quali squadre saranno ripescate. Comunque sia - ha dichiarato ai microfoni di itasportpress.it -, non cambieremo il criterio già adottato la scorsa stagione che si è basato sulla territorialità, altre ipotesi sono fantasie pure. Confermo che ci sarà una restrizione nei confronti delle squadre che nei precedenti cinque anni hanno beneficiato di un ripescaggio in categorie professionistiche. I regolamenti non saranno ritoccati".