Punzi: "Soddisfatti per il risultato e la prestazione. Purtroppo non è una vittoria da tre punti"

02.09.2018 17:59 di Matteo Ferri  articolo letto 1342 volte
Punzi: "Soddisfatti per il risultato e la prestazione. Purtroppo non è una vittoria da tre punti"

Le parole del tecnico della Vis Artena, Francesco Punzi, raccolte da Tuttolatina.com al termine della gara vinta dalla sua squadra contro il Latina e valida per il primo turno di Coppa Italia di Serie D.

Cosa le rimane di questa partita, la prestazione o la vittoria contro un avversario di rango?
Abbiamo giocato una buona partita e abbiamo dimostrato di potercela giocare nella gara singola contro un avversario di rango. Il risultato ci soddisfa perché ci permette di giocare un'altra partita ufficiale prima del campionato e la soddisfazione è doppia perché abbiamo vinto contro una delle squadre che lotterà per vincere il campionato. Putroppo questa non è una vittoria che ci dà punti, dobbiamo avere lo stesso spirito anche quando inizierà il campionato.

Avevate studiato il Latina in settimana?
Sì avevamo visto la partita amichevole di Terni, è stato cambiato qualcosa perché inizialmente hanno giocato con più giocatori offensivi oggi rispetto a sette giorni fa. Hanno provato a fare un 4-3-3, noi abbiamo fatto la nostra partita, facendo un lavoro di possesso palla e rischiando anche qualcosa di troppo, come in occasione del pareggio del Latina. Sono rischi calcolati, magari in quell'occasione non troppo...

Quali sono i valori di questo girone?
Bisogna fare una distinzione, ci sono sei-sette squadre laziali che hanno allestito rose pronte al salto di categoria. Il Latina è una di queste, anche per la forza della piazza, del blasone e dell'allenatore. L'Avellino è in ritardo ma sono sicuro che in questo mercato e a gennaio allestirà una grossa rosa. Noi ce la giocheremo per evitare i playout, per farlo dobbiamo mettere in mostra sempre lo spirito visto oggi. Nel calcio, se rinunci a giocarla, rimani col rammarico.

In questi primi due turni di Coppa Italia avete dimostrato di sapervi adattare all'avversario e di saper soffrire fino all'ultimo.
Anche oggi, alla fine, se andiamo a vedere il computo dei tiri in porta, non siamo stati inferiori al Latina. Chiaramente squadre così forti ti costringono un po'ad abbassarti, bisogna fare di necessità virtù e correre e rincorrere gli avversari anche con gli attaccanti.