Latina-Città di Anagni, Maurizi: "Inutile girarci intorno: le nostre caratteristiche sono queste. Da certi momenti nascano opportunità"

02.02.2020 19:55 di Marco Ferri   Vedi letture
Fonte: TuttoLatina.com
Latina-Città di Anagni, Maurizi: "Inutile girarci intorno: le nostre caratteristiche sono queste. Da certi momenti nascano opportunità"

La conferenza stampa integrale del tecnico del Latina Calcio 1932, Agenore Maurizi, a margine del pareggio casalingo senza reti contro il Città di Anagni.

Si è presentato con delle varianti tattiche, ha cambiato la squadra in corso d'opera ma non è arrivato il gol: perché?
Perché vale quando la palla entra. La partita è stata molto complicata, sapevamo già che lo sarebbe stata. Dei tanti episodi avvenuti in area di rigore, dovevamo portarne qualcuno a nostro favore. Così non è stato e non abbiamo messo la partita su un binario diverso. Difficile dire perché non facciamo gol. Abbiamo battuto molti calci d'angolo, forse la manovra non è stata fluidissima ma non abbiamo concesso praticamente nulla. Loro vengono da risultati positivi, non siamo stati capaci di indirizzare la partita sui giusti binari. Globalmente è stata una brutta gara per chi l'ha vista, bloccata e non ne siamo venuti a capo. Ci è mancato il gol.

Questa squadra non sembra saper brillare
Credo sia così dall'inizio. La squadra ha determinate caratteristiche, questo non è mai stato nascosto. Deve fare i conti con queste caratteristiche per tutta la stagione. Bisogna guardare la realtà, non si può parlare di buono o cattivo. Bisogna cercare di fare risultato con queste caratteristiche, cercando di prendere pochi gol. Questo sta avvenendo, ma è una mia valutazione. Non è detto che quello che penso sia giusto, ma la mia valutazione è che era una squadra che prendeva tantissimi gol. Il mio primo obiettivo è stato cercare di prenderne pochi, in tante partite non lo abbiamo subito ed è importante. Non me ne vogliate, ma rubiamo pochissimi palloni per caratteristiche. Rubandone pochi, attacchiamo poco a campo aperto. A questi livelli attaccare difese schierate non è facile per nessuno.

Ha provato Garufi in posizione avanzata, ma non è sembrato a proprio agio nel trovare la posizione
Abbiamo provato questa soluzione per dare qualità e contenimento. Se mettiamo lui e Barberini, manca quell'aggressività che ci può dare Fatati. Se giochiamo con Fatati e Garufi manca la qualità che ci può dare Barberini e anche la fisicità, come struttura. Abbiamo provato a sorprenderli e farli venire fuori con tre centrocampisti e Garufi dietro la punta. La mia idea era quella di farli venire fuori e cercare campo alle loro spalle, ma è avvenuto poco se non in qualche piccola occasione. Nel secondo tempo ci siamo messi a tre, con un trequartista e due punte. Abbiamo sbagliato qualche gol, ci sono state un paio di occasioni con Corsetti e Cunzi. Quei 4-5 episodi portati a nostro favore, ci avrebbero fatto parlare di una partita brutta ma vinta. Così è brutta e non vinta.

Questo esperimento ha stravolto un po' le impostazioni iniziali del suo Latina
Proviamo a fare del possesso palla la nostra qualità migliore, poi ci rendiamo conto che perdiamo troppi palloni e non possiamo subire gol. Subirli ci abbassa l'autostima, stiamo cercando di trovare un giusto equilibrio. Credo che bisogna guardare avanti con fiducia, so che è difficile in questi momenti. Proprio in questi momenti nascono delle opportunità, dobbiamo continuare a credere in quello che facciamo e farlo con la stessa volontà di adesso.

Sulla trequarti è mancata la qualità per superare l'avversario: perché queste caratteristiche non sono state cercate nel mercato?
Abbiamo una squadra che non ha queste caratteristiche di andare nell'uno contro uno. L'unico, con lo spazio a disposizione, è Corsetti. Abbiamo un centrocampista esterno che ci dà equilibrio come Mastrone e anche Teraschi sa fare l'uno contro uno in campo aperto. Quando la difesa si schiaccia in un certo modo, sappiamo di dover recuperare più palle, farli venire fuori e giocare in campo aperto. Sul mercato è difficile aggiustare la squadra sotto questo punto di vista, perché di giocatori funzionali ce ne sono pochi e quelli buoni non li danno in questa fase. Magari ad inizio anno sì, ci abbiamo provato ma purtroppo credo che il direttore abbia fatto il massimo per dare giocatori di un certo tipo, ma è difficile trovarlo.

Che caratteristiche ha Ferri e perché oggi non era tra i convocati?
Per una questione di tesseramento, proviene da una federazione estera e siamo in attesa. E' un giocatore bravo nell'uno contro uno, può giocare esterno o seconda punta. Era un giocatore che aveva davanti una carriera importante, è stato capitano della Roma Primavera e credo abbia delle buone potenzialità. Dobbiamo sempre fare i conti con le regole, per giocare servono sempre i quattro under. Dobbiamo trovare una collocazione, oggi la sua è un cambio per Corsetti o Cunzi. Abbiamo questi calciatori e queste caratteristiche, gli under devono giocare per forza e i nostri sono buoni.