Latina, Di Napoli: "Dovevamo essere più cinici. Avellino? Vogliamo regalare una gioia ai nostri tifosi"

28.04.2019 18:45 di Matteo Ferri   Vedi letture
Latina, Di Napoli: "Dovevamo essere più cinici. Avellino? Vogliamo regalare una gioia ai nostri tifosi"

La conferenza stampa del tecnico del Latina, Raffaele Di Napoli, al termine della sconfitta di Colleferro contro il Città di Anagni, nella penultima giornata del Girone G di Serie D.

La differenza l'hanno fatta gli stimoli
Sì, gli stimoli e un campo ai limiti della praticabilità. Abbiamo fatto bene nei primi venti minuti ma dovevamo essere più cinici, invece abbiamo permesso al Città di Anagni di rientrare in partita. Io voglio che le motivazioni siano al massimo fino al 5 maggio, forse oggi siamo stati troppo leziosi quando l'avversario era alle corde.

Siete giudici di questo campionato.
Dovevamo essere protagonisti in un'altra maniera, per vincere il campionato. Invece saremo giusti in una maniera diversa, come giudici.

Vittoria giusta per l'Anagni?
Hanno messo la partita sul piano fisico, come deve fare una squadra che lotta per non retrocedere.

Oggi l'Anagni ha dato il massimo.
Si giocavano una fetta importante del loro futuro. Ora dovranno fare i playout, la vittoria di oggi gli darà un po'di entusiasmo.

Il Latina ha provato a recuperarla, anche con i cambi
Sono incazzato perché abbiamo perso. A me non ha regalato niente nessuno, io sono contento per come abbiamo giocato a calcio ma dovevamo essere più lucidi e chiudere la partita.

Cosa significa essere giudici del campionato?
Sappiamo cosa andremo ad affrontare, prepareremo la partita sapendo di essere in debito con la nostra città e proveremo a fare una grande prestazione per regalare una gioia alla nostra città. Noi ci stiamo giocando il futuro nostro, perché qualcuno verrà riconfermato e qualcuno troverà altre squadre. Noi siamo dei privilegiati perché ci alleniamo due ore al giorno e non andiamo in fabbrica, però dobbiamo impegnarci fino alla fine. Dovevamo vincere il campionato, non l'abbiamo fatto e ora cerchiamo di onorare il campionato fino all'ultimo.