ESCLUSIVA - Cisotti: "Il Latina è una grande squadra e saprà rialzarsi. Se segno martedì non esulto"

22.10.2014 14:20 di Marco Ferri   Vedi letture
ESCLUSIVA - Cisotti: "Il Latina è una grande squadra e saprà rialzarsi. Se segno martedì non esulto"

Gli incroci del calendario lo metteranno di fronte al suo passato martedì prossimo, quando il Latina farà scalo a La Spezia nel turno infrasettimanale di campionato. Juri Cisotti, due reti in nerazzurro nello scorso campionato e ora protagonista con la maglia delle aquile liguri, ha preso parte allo stage della B Italia, culminata ieri con la partita a ranghi misti. Ecco le sue parole, rilasciate a margine della gara di Coverciano, rilasciate in esclusiva a TuttoLatina.com

Prima convocazione in una Nazionale giovanile: che due giorni è stata?
Sono molto contento, è stato un piacere ricevere questa convocazione. Sono stati due giorni interessanti, in un ambiente bello e con ottimi compagni. È stato molto utile.

Secondo anno in B, hai iniziato con una matricola che ha rimodellato i suoi obiettivi in corso d'opera e ora sei in una squadra ambiziosa. L'inizio è incoraggiante: 7 presenze, 1 gol e 1 assist...
L'anno scorso sono stato bene a Latina, però è passato e adesso penso allo Spezia. Quest'anno c'è una buona squadra e possiamo fare molto bene, però, come si sa, il campionato è lungo e i risultati si vedranno sul campo.

Hai trovato un allenatore straniero, il croato Bjelica: com'è la sua metodologia di lavoro?
Lavoriamo molto con la palla e facciamo anche lavori aerobici, con conclusioni sempre includendo il pallone. Si lavora molto bene, fisicamente stiamo bene ed è una nuova esperienza anche questa.

Tra una settimana il Latina ritornerà ad essere il tuo presente, venendo a La Spezia da avversario. Stai sentendo i tuoi ex compagni e che idea ti sei fatto del loro momento difficile?
Sono contento di rivederli la prossima settimana. Sento spessissimo i vecchi compagni, purtroppo stanno attraversando un periodo un po' così, ma sicuramente hanno una grande squadra, grandi giocatori e grandi persone e sono certo che si rifaranno.

Domanda d'obbligo: esulterai in caso di gol alla tua ex squadra?
No, assolutamente. Mi sono trovato bene e porto rispetto.

Concludiamo in leggerezza. Un consiglio al tuo amico Crimi su come battere i rigori?
Mi dispiace, l'anno scorso ho provato a insegnarglielo ma si vede che non ha imparato granché bene. Magari quando ci rivediamo glielo rispiego.