Classifica marcatori - Roberti-Iadaresta, il finale è thrilling ma il sorpasso non c'è. Ecco perché

07.05.2018 16:00 di Marco Ferri   Vedi letture
Classifica marcatori - Roberti-Iadaresta, il finale è thrilling ma il sorpasso non c'è. Ecco perché

Raggiunto o superato? In un'ultima giornata ininfluente ai fini del piazzamento finale, il Latina si è trovato a fare i conti con la beffa della classifica marcatori. La doppietta realizzata da Fabrizio Roberti nella sconfitta per 4 a 3 dell'Ostiamare a Budoni, avrebbe infatti permesso all'attaccante lidense di sfilare lo scettro di bomber del girone G a Pasquale Iadaresta, tenuto precauzionalmente a riposo (in quanto diffidato) da Pascucci a Monterosi e in campo soltanto nelle battute conclusive della gara vinta di misura dai pontini in terra viterbese.
Mai come stavolta è però d'obbligo il condizionale. Partiamo da una precisazione: non esiste una classifica marcatori ufficiale, in quanto gli arbitri non sono tenuti a segnalare sul proprio taccuino il nome (né il numero di maglia) del giocatore andato a segno. Premesso ciò, in un'ipotetica classifica finale che vedrebbe Roberti a 25 e Iadaresta a 24, ballano due gol dalla paternità incerta.

I GOL FANTASMA - Il primo è quello realizzato dal centravanti biancomalva (nerazzurro durante la preparazione della stagione 2015/2016 agli ordini di Iuliano) ad Anzio nella gara valida per la tredicesima giornata disputata il 12 novembre scorso. Una zampata sotto misura rivendicata da Roberti ma che, come si nota nel servizio prodotto dall'ufficio stampa del club neroniano e come attribuito da diversi organi di informazione (dal Corriere dello Sport a Transfermarkt), sembrerebbe appartenere a un altro ex della sfida del Bruschini: Tommaso Mazzei. 
Più di un dubbio resta anche sull'assegnazione della segnatura del provvisorio vantaggio nerazzurro nel match con l'Albalonga disputato al Francioni lo scorso 4 aprile. Un sigillo che venne conferito a Scibilia ma sul quale, riguardando (e ingrandendo) le immagini, non è stata mai fatta piena chiarezza: non è da escludere che il tocco dell'esterno siciliano sia avvenuto quando la sfera, deviata di testa da Iadaresta in anticipo su Frasca, aveva già varcato interamente la linea di porta. 

"TUTTI VALIDI, NESSUNO VALIDO"? - Nell'impossibilità di attribuire in maniera oggettiva le due reti ai rispettivi pretendenti, appare ragionevole assegnare il titolo in compartecipazione, con un ex aequo a 25 (qualora si decidesse di assegnare all'uno e all'altro i gol dubbi) o a 24. Un'indicazione sul quale il lettore potrà farsi autonomamente un'idea consultando - a margine dell'articolo - i fotogrammi relativi all'azione vincente di Latina-Albalonga e il video della (presunta) marcatura di Roberti (minuto 2.50 del servizio) ad Anzio...