Latina-Ladispoli, Maurizi: "La squadra manca di personalità. Per averla servono giocatori adatti"

08.12.2019 20:15 di Marco Ferri   Vedi letture
Latina-Ladispoli, Maurizi: "La squadra manca di personalità. Per averla servono giocatori adatti"

La conferenza stampa integrale del tecnico del Latina Calcio 1932, Agenore Maurizi, a margine del successo sul Ladispoli riportata integralmente da TuttoLatina.com

Cercavi più autostima e convinzione: qualche risultato l'hai ottenuto?
Quando si vince 4-0 sembra tutto lineare. La squadra manca di personalità, questa è una diagnosi molto chiara. Questo non significa che sia una buona o una cattiva squadra, ma manca un aspetto fondamentale per poter giocare a calcio. Faccio un esempio stupido ma calzante: nel primo tempo abbiamo battuto 8-9 punizioni laterali, da destra o da sinistra, sempre con un piede. Io avrei voluto, in alcuni frangenti, una traiettoria a uscire con un altro piede. Come l'abbiamo fatto, è arrivato il 2-0. Parlo di un dettaglio, ma alla fine le partite si decidono per quello. Ci vuole la personalità per prendere la palla e dire di battere così, qualcuno in campo si deve assumere la responsabilità di prendere decisioni. Questo fa parte della natura. Uno dei primi principi nella fase dello sviluppo della tattica è la collaborazione tra i compagni. Dobbiamo migliorare in questo aspetto, per questo dico che se vogliamo fare un grande campionato dobbiamo migliorarlo. 

C'è ancora margine per fare un grande campionato?
Mi rifaccio alle mie esperienze e credo che tutto sia allenabile. Però ci vuole la mentalità giusta. Oggi è facile per tutti dire che abbiamo fatto una buona partita, ma non mi soffermo alle apparenze e vedo una prospettiva. La nostra prospettiva è che dobbiamo fare bene, dobbiamo avere una mentalità che ci permette di raggiungere un obiettivo. Serve la mentalità, va costruita. 

Un giudizio sul nuovo portiere
Eravamo convinti di fare delle scelte da quel punto di vista. Il discorso del comando è fondamentale, da dietro ci vuole qualcuno che comanda e che dia tranquillità alla squadra. Sono tutte cose che c'entrano poco con la parata in sé, il comando è fondamentale. Quelli che avevamo non erano cattivi portieri, sono buonissimi ma mancano di quell'esperienza e di quella capacità di comando che serve per fare quel ruolo.

Quanto cambierà il Latina con il mercato?
Quando parlo di mentalità è perché abbiamo l'esigenza di averla diversa. Evidentemente adesso non l'abbiamo.

Quindi servono altri giocatori...
Io non l'ho detto. Non parlo mai di mercato.

Dopo il gol del vantaggio la squadra ha sempre ricercato un altro gol e di chiudere la partita
I ragazzi da questo punto di vista si stanno impegnando molto, per giocare sempre a viso aperto contro tutti. Guardo di giornata in giornata, ma penso che abbiamo perso dei punti veramente stupidi che non ci restituisce nessuno. Conta il "durante" delle partite, dobbiamo dare il massimo quando si gioca. In una partita c'è un inizio e una fine, nel mezzo si vince e si determina chi siamo. Se il nostro massimo è comandare il gioco e giocare sempre per vincere, dobbiamo fare questo. Ma per farlo ci vogliono i calciatori adatti e la disponibilità. Sono molto contento per Garufi che oggi ha fatto una partita importante.