Basket - Un successo il torneo di Pasqua targato Virtus Aprilia

 di Matteo Ferri  articolo letto 61 volte
Fonte: Ufficio Stampa Virtus Basket Aprilia
Basket - Un successo il torneo di Pasqua targato Virtus Aprilia

La Smit Roma Centro si è fatta valere vincendo il proprio girone con 3 vittore su 4 gare disputate, e nella seconda fase contro Avellino per differenza canestri. A suon di canestri la squadra romana ha conquistato e vinto la finale contro Pomezia, che durante il torneo ha fatto intravedere un bel gioco corale forse addirittura il migliore. In generale è da considerare pregevole il livello di gioco e delle giocate da parte dei bambini in campo, che hanno fatto vedere una padronanza tecnica di spessore accompagnata da uno spirito positivo e propositivo.

Ospite della manifestazione l'Assessore Ecologia ed Ambiente Alessandra Lombardi che, compiaciuta, si è detta molto divertita ed impressionata per quanto visto durante la partita e per quanto riguarda l'intera organizzazione. Inoltre l'Assessore ha voluto rinnovare ed illustrare il legame che c'è con la Virtus in relazione al progetto sulla differenziata. Dopo di che ha premiato tutte le squadre partecipanti con tanto di foto ricordo. Il torneo di Pasqua di quest'anno ha voluto espressamente e direttamente sostenere le zone colpire dal sisma: i fondi infatti sono stati  desinati alla Comunanza Agraria di Abeto, nel Comune di Preci. Grande soddisfazione per il Presidente della Virtus, Lupelli: “Il torneo come veicolo sociale per sensibilizzare le famiglie e le società a contribuire alla ricostruzione delle zone colpite dal sisma, grazie alla raccolta fondi promossa da noi”

 

Il 14esimo torneo di Pasqua della città di Aprilia è stato quindi un vero successo, confermato anche dalle società partecipanti. La competizione, che si è svolta nei giorni 13-14 e 15 Aprile, ormai abitudine per la città di Aprilia, ha accolto bambini e genitori provenienti da diverse località d'Italia nel nome del divertimento e della cultura sportiva. L'elenco delle squadre è stato arricchito dalla partecipazione di diverse società di blasone, come ad esempio la Tiber Roma, la Scuola Irpinia Bk Avellino (società satellite della Scandone Avellino di serie A1), la Stella Azzurra e l'Asso Sport Latina. Le gare si sono svolte in tre giorni consecutivi su quattro campi differenti: al pallone di via O. Respighi (campo centrale) e sui campi sportivi collocati negli istituti Matteotti (situata di fronte al pallone tensostatico), Pascoli e di via Amburgo.

Sono state 20 le società sportive che hanno partecipato al torneo indetto dalla Virtus Basket Aprilia e riservato alla categoria minibasket Aquilotti e Gazzelle. Ogni squadra, nel rispetto del regolamento del torneo, ha schierato in campo quartetti diversi per ogni tempo (6 i tempi totali) della durata di 4 minuti ciascuno; per la fase successiva invece le gare giocate sono state di 5 minuti, mentre la finale di 6 minuti. Il regolamento sottoposto ad ogni società prevedeva rigorosamente la sola difesa individuale, bocciando qualsiasi pretesa di difesa a zona ed i bambini segnati a referto dovevano fare tutti l’ingresso in campo.

Le 20 squadre partecipanti sono state divise in 4 gironi da 5 squadre; il punteggio calcolato era ripartito come da regolamento minibasket: 3 punti ad ogni quarto vinto, 2 punti ad ogni quarto pareggiato ed 1 punto ad ogni quarto perso. La somma dei punti fatti in ogni tempo di gioco stabiliva la vincitrice della gara.

A seconda del piazzamento nel girone di appartenenza, rispettivamente Girone Azzurro, Girone Giallo, Girone Bianco e Girone Verde, ed in base agli incroci, ogni squadra si è scontrata con quella che avuto lo stesso piazzamento, in partite di 6 tempi da 6 minuti. Nella fase finale invece si sono incontrate le squadre vincenti e quelle perdenti delle rispettive gare, secondo il tabellone del torneo.

Le giornate sono state ricche di eventi che hanno accompagnato la consueta rassegna di partite mattutine e pomeridiane. Ad esempio il playground tenutosi fuori il pallone tensostatico, pura e semplice improvvisazione di ragazzi che non smetterebbero mai di giocare a basket.

Positiva la prova dei ragazzi apriliani, guidati da Stefano D'Orazio, che si sono comportati egregiamente, dimostrando di apprezzare l'evento in tutte le sue forme, classificandosi 3° nel girone di appartenenza e 10° nella classifica finale. Il girone è stato dominato dalla Scuola Irpinia Bk Avellino, eliminata in semifinale dalla Smit soltanto per differenza canestri. Anche le nostre donnine non sono state da meno, affrontando le sfide con agonismo e voglia di dimostrare, sono state le protagoniste dell’All Star Game in rosa.

Nel girone giallo è stata la Tiber Roma ad avere avuto la meglio, sconfitta nella finale per il 3° e 4° posto dall’Irpinia Bk Avellino; mentre in quello verde i pomeziani hanno preceduto tutti i rivali, arrivando fino alla finale, persa poi contro la Smit soltanto al tempo supplementare.

La Virtus Basket Aprilia continua a mietere successi nell'organizzazione annuale del torneo di Pasqua, nel quale si concentrano piccoli talenti provenienti da diverse parti d'Italia, contribuendo a quello scambio di principi cestistici, educazionali e sociali. Ed è per questo che un grande elogio va a tutte quelle famiglie virtussine che hanno ospitato i ragazzi nelle loro case e di tutte quelle che hanno contribuito alla riuscita del torneo in tutte le sue parti. Si ringrazia per l’impegno dispensato tutti i “badanti di campo”: ragazzi che, guidati da Ugo Pesci, Marco Milani e Marco Infanti, sono stati impeccabili come giudici di gara. Per finire, ovviamente, esprimiamo profonda gratitudine nei confronti della squadra dei mini arbitri: figure fondamentali per la riuscita del gioco. Inoltre, grazie a questo torneo, hanno fatto sicuramente dei passi avanti nelle loro formazione. Ed infine un grande applauso a tutti i bambini, che hanno interpretato nel migliore dei modi lo spirito dell’evento regalandoci sorrisi e tante belle giocate.

Aprilia per tre giorni è stata al centro del panorama cestistico locale e nazionale: un esempio di pianificazione ed organizzazione seconda a nessuno.