Latina, Di Donato: "Sono ambizioso, voglio crescere e farlo in questa società"

20.10.2023 19:30 di Matteo Ferri Twitter:    vedi letture
Latina, Di Donato: "Sono ambizioso, voglio crescere e farlo in questa società"

La conferenza stampa di Daniele Di Donato, allenatore del Latina, in vista della gara contro l'Audace Cerignola valida per la nona giornata del girone C di Serie C NOW 2023/24, raccolta da Tuttolatina.com.

Sbollita la rabbia per l'ultima partita?
"Sì, a prescindere dalla rabbia per gli ultimi minuti, abbiamo fatto un buon calcio. Siamo stati superficiali in alcune scelte, però abbiamo disputato una gran gara e i ragazzi hanno voluto a tutti i costi la vittoria. Vincere aiuta a vincere e porta entusiasmo e forza. Questa settimana lo si è visto anche in allenamento".

Situazione generale della squadra?
"Stiamo benissimo, anche Riccardi che non pensavo stesse già così bene. Ringrazio lo staff medico perché si è prodigato per restituirlo rapidamente all'attività. Domani affronteremo una squadra tosta, che non ha mai perso e su un campo difficile. Sarà un banco di prova importante per vedere cosa vogliamo fare".

Come cambia il centrocampo con Riccardi?
"Riccardi è un giocatore che conosciamo bene ma anche Paganini si è mosso bene in quel ruolo. Sarà una bella gatta da pelare per me, ma a prescindere dagli uomini è tutta la squadra a stare bene. Anche Del Sole sta facendo bene da quinto".

Il campo del Cerignola crea dei vantaggi alla squadra di casa?
"Sicuramente sono più abituati, ma alla fine i campi sono tutti uguali e quello che conta è l'atteggiamento, la voglia e la fame che hai. Noi dobbiamo imparare ad essere resilienti, adattarci ad ogni situazione perché abbiamo un obiettivo importante e dobbiamo fare la nostra partita".

Aggiungere un over in difesa può essere un'idea?
"Valuteremo domani. La fortuna è che ho tutti a disposizione, quindi ho l'imbarazzo della scelta".

Mastroianni ha detto che la sua chiamata è stata determinante per scegliere Latina. Può essere l'anno della consacrazione per lei?
"Spero che questo sia l'anno della consacrazione per tanti giocatori. Io faccio il massimo per raggiungere l'obiettivo e non sto qui a svernare. Ovviamente uno ambisce a crescere ma io lo voglio fare insieme a questa società, che mi ha dato l'opportunità di fare un percorso importante in tre anni. In C saltano allenatori ogni mese, qui mi è stata data fiducia anche nei momenti di difficoltà. La società ha fatto passi importanti e io voglio farne altri insieme a lei".