Latina-Afragolese, Scudieri: "Vittoria che ci dà certezze, da squadra cinica e pratica. Ora integriamo i nuovi"

11.01.2021 15:30 di Marco Ferri   Vedi letture
© foto di © Latina Calcio 1932
Latina-Afragolese, Scudieri: "Vittoria che ci dà certezze, da squadra cinica e pratica. Ora integriamo i nuovi"

Le parole del tecnico del Latina Calcio 1932, Raffaele Scudieri, a margine del successo per 3-0 ottenuto dai nerazzurri sull'Afragolese nella gara valida per l'11^ giornata del campionato Serie D 2020/2021 girone G: "Questa è una vittoria che ci dà ancora più certezze, giunta contro un'ottima squadra. Sapevamo ch hanno delle qualità, avendo preso anche Liccardo e Caso Naturale hanno aumentato il tasso tecnico della squadra. Abbiamo preparato una partita fatta anche di pressione, oltre che di qualità. Avevamo da ritrovare degli equilibri e dovevamo inserire giocatori importanti nel nostro scacchiere, come il nostro capitano che ha fatto gol e ha fatto molto bene. Oggi hanno segnato Sarritzu, Corsetti e Di Renzo, i tre attaccanti. 20 giorni fa, nell'ultima partita dell'anno, avevamo giocatori diversi, compreso Jonathan che stavolta non è entrato perché non era in condizione. L'ho portato nell'eventualità, ma è un giocatore per noi importante come lo sarà Calabrese che è appena arrivato. Sono molto soddisfatto perché abbiamo interpretato bene la partita per quello che avevamo preparato. I giocatori hanno fatto la differenza a livello di interpretazione, determinazione e lucidità. Abbiamo un obiettivo e dobbiamo pensare anche a quello, senza essere troppo belli. Bisogna essere anche pratici, lo dico anche per esperienza vissuta negli ultimi anni. A volte le mie squadre erano belle ma arrivavano seconde. Questa squadra sa essere cinica e pratica. Nel corso della partita conto tre gol, un palo, un salvataggio sulla linea e tre-quattro occasioni, con trame di gioco pregevoli. Da allenatore posso essere soddisfatto, ma adesso inizia una seconda fase in cui dovremo integrare i nuovi. Lavoreremo in settimana per questo, adesso ho una squadra diversa per un certo punto di vista. Sono molto contento, oggi ho ritrovato Calagna e l'ho visto molto meglio rispetto alla fase iniziale. Lui è un 2001 ed è abituato a giocare nel giovanile, adesso dopo un interregno con i grandi è pronto anche lui a farsi valere e lo farà".